Robitex's Blog

Ideas in the web

Disegni AutoCAD nel formato PDF passando per Postscript


Vi descrivo la procedura classica per ottenere un disegno AutoCAD nel formato PDF. Probabilmente state pensando che una guida del genere sia inutile o perché la vostra versione di AutoCAD esporta nativamente in PDF, oppure perché già lo fate con un driver PDF di stampante virtuale tipo CutePDF. Allora fine del discorso.

Niente affatto. Per ottenere un buon PDF di una tavola di stampa dello spazio carta è possibile ricorrere ad un formato di tutto rispetto: Postscript, e rimediare ai difettucci del driver utilizzato finora o semplicemente alla non disponibilità di una versione recente di AutoCAD (la politica degli aggiornamenti di Autodesk non è molto favorevole ai piccoli utenti, piccoli nel senso di dimensioni dello studio non certo in relazione alla professionalità).

Passo 1 – Installare un plotter virtuale Postscript

Per AutoCAD LT 2004 la procedura è qui descritta:

  1. avviare la wizard Strumenti > Autocomposizioni > Aggiungi plotter
  2. scegliere “Questo computer” e click su Avanti >
  3. tra i driver del produttore “Adobe” selezionare “PostScript Level 2”
  4. click su Avanti > ed ancora Avanti >
  5. scegliere il radio button “Stampa su file” e click su Avanti >
  6. scegliere un nome (“PostScript Level 2” va benissimo) ed Avanti >
  7. click su Fine >

Passo 2 – Configurare il plotter

Edit Plotter Configuration Dialog

Edit Plotter Configuration Dialog

Attivare il dialogo (che vedete nell’immagine sopra) “Editor di configurazione…” (da AutoCAD File -> Gestione Plotter… , doppio click sull’icona del plotter appena installato dal nome “PostScript Level 2.pc3” tra quelle della finestra di Explorer).
Nella terza scheda “Impostazioni dispositivi e documenti” aprire la struttura ad albero Grafica -> Grafica Vettoriale ed aumentare la risoluzione da 300 x 300dpi (default) a 1270 x 1270 dpi (o superiore se preferite).
Poi Proprietà Personalizzate -> click sul bottone <Personalizza Proprietà…> , disabilitate l’opzione “Includi anteprima WMF”. OK.

Passo 3 – Stampare con il nuovo plotter Postscript

A questo punto create delle stampe da spazio modello o meglio da spazio carta utilizzando il plotter “PostScript Level 2.pc3”. Naturalmente non vi dimenticate di consultare il libro di un certo Autore Lo Spazio Carta di AutoCAD per moltiplicare giusto un po’ la produttività del disegno (si certo lo spazio carta migliora l’organizzazione del disegno razionalizzandolo oltre che migliorare la qualità delle stampe).

A questo punto dovreste aver creato il file nel formato Encapsulated PostScript in una qualche cartella diciamo mydir.

Passo 4 – Produrre il PDF

Per trasformate il file risultante dal formato eps al formato PDF basta lanciare l’utility ps2pdf da riga di comando. Questa utility è compresa con il programma Ghostscript, installatelo se non l’avete, sempre l’ultima versione disponibile naturalmente.

  1. Pulsante Start > Esegui…
  2. nella casella di testo digitare cmd e quindi dare un invio
  3. nella finestra di comando che si è avviata spostarsi nella directory mydir con il comando >cd pathtomydir\mydir (naturalmente pathtomydir è il percorso della cartella)
  4. dare il comando >ps2pdf -sPAPERSIZE#a0 nomedisegno.eps (se il formato originale del disegno è A4 non occorre specificare l’opzione -sPAPERSIZE, diversamente cambiatela in a1, a2, ecc con la a minuscola mi raccomando, mentre se il nome del disegno contiene caratteri spazio racchiudetelo tra doppi apici “”).

Benissimo. Il disegno PDF è pronto, ma se vogliamo proprio ricercare la finezza possiamo scontornarlo. Certo, un disegno PDF con i margini perfetti sul rettangolo di squadratura.

Per farlo rivolgiamoci allo script Perl pdfcrop di Heiko Oberdiek. Per installarlo sul sistema la via più semplice è quella di installare TeX Live 2008 o la 2009 quando sarà rilasciata. Così facendo vi ritrovate sul sistema bella pronta anche Ghostscript, un visualizzatore Postscript, con tanto di percorsi agli eseguibili già settati (con TeX Live potrete così sperimentare anche LaTeX).

Detto questo, il comando da dare alla riga di comando è:

>pdfcrop -margins=10 nomedisegno.pdf

Fatto. Non mi rimane che augurarvi (anche se siamo ad Agosto) Buon Lavoro!!!

7 risposte a “Disegni AutoCAD nel formato PDF passando per Postscript

  1. A.L. 10/08/2009 alle 20:01

    Ciao Roberto,
    ho avuto la possibilità di provare la procedura con AutoCAD 2006: funziona perfettamente!

    Grazie per il tutorial.😉

    Antonio

  2. ansys 26/02/2010 alle 15:07

    Ciao Roberto ho provato anche io il tuo metodo (su AutoCAD 2007) e devo dire che ho riscontrato delle migliorie rispetto all’uso di PDFcreator, che è un ottimo driver ma si sa.. per chi si trova nel mondo di della grafica vettoriale e LaTeX la perfezione non è mai troppa..quindi ben venga questa procedura!

    Grazie, e alla prossima!

  3. Enrico 07/09/2011 alle 16:24

    Ciao Roberto.
    Trovo molto utile anche x il mio lavoro creare file pdf da AutoCAD 2006. Ho seguito passo a passo “Disegni AutoCAD nel formato PDF passando per Postscript”.Purtroppo al Passo 4 – “Produrre il PDF” non sono riuscito a spostarmi nella directory dopo aver aperto il prompt dei comandi.Dopo aver digitato cdm,si apre la finestra del promt (sono a digiuno di DOS) con il messaggio C:\Documents and Settings\Enrico> e ho provato ad aggiungere >cd pathto ed il percorso sul desktop dove ho salvato il file creato in .eps ma IMPOSSIBILE TROVARE IL PERCORSO SPECIFICATO..
    perdonate la mia inettitudine e determinazione a comprendere.grazie

    • robitex 07/09/2011 alle 17:54

      Benvenuto sul blog!!!
      Mi fa piacere che la procedura ti è utile nel tuo lavoro.
      Veniamo alla tua domanda:
      Se sei giunto al passo 4 significa che hai già creato il file postscript del disegno. Dovresti vederlo in una tua cartella su disco.
      A questo punto non rimane che trasformare il Postscript in PDF con un programma. Quello che ho indicato (ps2pdf) è automaticamente disponibile se hai installata una distribuzione TeX, per questo è stata una scelta naturale. Ps2pdf è un utility a riga di comando, ciò vuol dire che occorre aprire una finestra DOS e digitare il comando opportuno.

      Quando apri la finestra DOS viene indicato la directory corrente che nel tuo caso è stata: C:\Documents and Settings\Enrico . Dunque, i nomi dei file semplici si riferiscono alla directory corrente. Allora, onde evitare di scrivere tutto il percorso del file Postscript, si hanno due soluzioni: o si copia il file da convertire nella directory corrente di default, oppure, più convenientemente, si cambia la directory corrente con il comando cd.
      Per esempio:
      digita il comando dir, ti verranno mostrate le cartelle che puoi raggiungere
      digita il comando cd .. per salire nella directory superiore

      Mi rendo conto che descrivere i dettagli è molto meno facile che eseguire i comandi.
      Il comando di conversione in PDF funziona digitando prima il nome del programma eseguibile e poi il nome del file postscript da trasformare:
      >ps2pdf nomefile.eps

      Naturalmente la directory di lavoro deve essere quella in cui si trova il file da convertire.
      Sostituisci nomefile.eps con il nome del file che hai prodotto.

      Ci vuole un po’ di pazienza per lavorare con ps2pdf nella finestra DOS, ma è un modo efficiente una volta che ci si è impratichiti.
      Spero di esserti stato utile con questa spiegazione contorta.
      Buon lavoro!

  4. Nome 10/11/2014 alle 15:02

    Grandissimo! Grazie!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: